Get Adobe Flash player

REGOLAMENTO SCUOLA INFANZIA SAN GIUSEPPE

REGOLAMENTO

ART. 1 (ISTITUZIONE DELLA SCUOLA)

La Scuola dell’Infanzia "San Giuseppe" sita a Paese è stata istituita dalla comunità parrocchiale di Paese nel 1915 e viene gestita dal consiglio parrocchiale per gli affari economici.

La sua attività si svolge dal 10/01/2005 nel nuovo edificio di proprietà della parrocchia sito in via degli Impianti Sportivi, 14 sempre a Paese.

La scuola è stata riconosciuta paritaria con decreto del 28 febbraio 2001 (prot. 488/5089).

 

ART. 2 (IDENTITA’ DELLA SCUOLA)

La Scuola dell’Infanzia nella sua azione educativa si ispira alla concezione della vita e ai principi della pedagogia cristiana.

Aderisce alla F.I.S.M. (Federazione Italiana Scuole Materne)

Per ulteriori e precise informazioni si può consultare lo Statuto e il Piano Triennale dell’Offerta Formativa (PTOF) della scuola stessa.

 

ART. 3 (FINALITA’ EDUCATIVE)

La Scuola intende garantire ai bambini e alle bambine un’ educazione armonica ed integrale della persona, in stretta collaborazione con la famiglia, a cui spetta il diritto - dovere primario dell'educazione dei figli. L'attività della Scuola dell’Infanzia si attua nel rispetto della normativa scolastica vigente.

La Scuola dell’Infanzia propone, per tutti i genitori dei bambini iscritti, incontri formativi a livello psicopedagogico, spirituale e religioso.

La Scuola dell’Infanzia promuove e gestisce servizi di interesse sociale e culturale ritenuti utili alla crescita e alla formazione del bambino. Cura la collaborazione e lo scambio di esperienze sia con le istituzioni analoghe sia con le scuole del territorio.

 

ART. 4(ISCRIZIONE)

La Scuola accoglie senza alcuna discriminazione tutti i bambini e le bambine le cui famiglie accettano il Piano Triennale dell’Offerta Formativa (PTOF) e il presente Regolamento.

I genitori presenteranno domanda di iscrizione o conferma di iscrizione alla direzione della Scuola su apposito modulo, nel quale dichiareranno di essere a conoscenza dell'identità della Scuola, di impegnarsi a rispettare la proposta educativa ed il presente regolamento. I genitori dichiareranno inoltre l’eventuale iscrizione in altra Scuola dell’Infanzia.

L'iscrizione primaria si effettuerà nel mese di gennaio/febbraio.

Viene data priorità di iscrizione ai bambini che presentino minorazioni fisiche, psichiche e sensoriali certificate con dichiarazione medica dell’ULSS o di altra struttura riconosciuta competente.

Vengono accolti con precedenza nelle sezioni di scuola infanzia: i bambini che hanno già frequentato nell’anno scolastico precedente; i fratelli dei bambini già frequentanti e che riconfermeranno l’iscrizione anche per l’anno successivo; restanti posti, e fino al raggiungimento di 200 iscritti (in caso di presenza di bambini certificati il numero dei posti potrebbe essere ridotto in base alle indicazioni del collegio docenti in accordo con il comitato di gestione), saranno a disposizione di chi ne farà richiesta.

Dall’anno scolastico 2014/15 è stata istituita la sezione PRIMAVERA che accoglie i bambini dai 24 ai 36 mesi secondo la normativa approvato dalla Conferenza Unificata Stato-Regioni del 1° agosto 2013 e l’Intesa USR Veneto- Assessorato Regionale ai Servizi Sociali del 3 settembre 2013.

Vengono accolti con precedenza nella sezione “Primavera”: i fratelli dei bambini già frequentanti la scuola dell’infanzia e che riconfermeranno l’iscrizione anche per l’anno successivo; in ordine di data di nascita; in caso di lista d’attesa vengono accolti con precedenza i bambini le cui famiglie si impegnano a pagare l’intero contributo annuale anche se il figlio inizia la frequenza ad anno scolastico avviato (esempio di bambino nato nel mese di novembre/dicembre).

 

ART. 5 (QUOTA DI ISCRIZIONE E CONTRIBUTO MENSILE)

La Scuola non si propone scopi di lucro. Il contributo chiesto alle famiglie è stabilito dal Comitato di Gestione di anno in anno, tenuto conto dei costi gestionali ordinari previsti dalla Scuola.

Si precisa inoltre che il servizio mensa è fornito a titolo gratuito e che il contributo mensile richiesto è relativo alla sola frequenza.

La quota annuale d'iscrizione viene decisa in base alle esigenze di bilancio ed è da ritenersi comprensiva di:

- acquisto del materiale di cancelleria (carta, colori di vari tipi, colla, matite, ecc.), alcune uscite didattiche, salviette e sapone. Inoltre per i nuovi iscritti, la quota comprende: borsetta, 2 bavaglini, 2 tovagliette, 2 asciugamani e relativi contrassegni;

 

- per i bambini del secondo e terzo anno la quota comprende un contributo per l’attività di laboratorio psicomotorio svolto da un insegnante esterno dal mese di ottobre al mese di maggio;

- assicurazione che garantisce contro gli infortuni e la responsabilità civile, nei limiti della polizza stipulata dalla scuola dell’infanzia con la “Società Cattolica di Assicurazioni"; limiti che i genitori accettano all'atto dell'iscrizione, sollevando la scuola stessa da ogni e qualsiasi responsabilità per le casistiche non espressamente riportate.

In caso di ritiro del bambino la quota di iscrizione non sarà restituita.

Il contributo mensile per la frequenza alla scuola dell’infanzia dal mese di settembre al mese di giugno compresi è di 160,00 per il primo iscritto. Per i fratelli frequentanti è di 140,00.

Il contributo mensile per la frequenza alla Sezione Primavera è di 300,00. Per i fratelli frequentanti è di 280,00.

Il contributo deve essere pagato per dieci mensilità da settembre a giugno compresi. Il mese di giugno deve essere pagato insieme alla mensilità di maggio.

Nel caso di assenza per l’intero mese o di frequenza fino a CINQUE giorni, l'importo mensile dovuto è di 140,00 per la frequenza alla scuola dell’infanzia e di 280,00 per la frequenza alla sezione primavera.

Il versamento deve essere tassativamente effettuato entro il giorno 10 di ogni mese di attività scolastica (es. il mese di settembre si paga il 10/09, il mese di ottobre entro il 10/10).

Il contributo mensile richiesto a chi usufruisce dell’ingresso anticipato dalle ore 7:30 è di 15,00 mensili da pagarsi anticipatamente a settembre per i primi quattro mesi di scuola (da settembre a dicembre) e a gennaio per gli altri sei mesi, dopo che il Comitato ha valutato i costi sostenuti per il servizio.

Il contributo mensile richiesto a chi usufruisce del servizio di tempo prolungato dalle 15:30 fino alle 16:30 - 17:00 è di 40,00 mensili da pagarsi anticipatamente a settembre per i primi quattro mesi di scuola (da settembre a dicembre), e a gennaio per gli altri sei mesi dopo che il Comitato ha valutato i costi sostenuti per il servizio.

I versamenti del contributo mensile si effettueranno eclusivamente tramite bonifico presso la INTESA SAN PAOLO filiale di Paese sul C/C NR. 02520 INTESTATO PARROCCHIA S. MARTINO VESCOVO – SCUOLA DELL’INFANZIA S. GIUSEPPE

IBAN: IT44S 03069 61904 100 0000 02520

oppure presso la CENTROMARCA BANCA filiale di Paese sul C/C NR. 452182 INTESTATO PARROCCHIA S. MARTINO VESCOVO – SCUOLA INFANZIA S. GIUSEPPE

IBAN: IT31 A087 4961 9010 0800 0452 182.

NON SONO AMMESSI PAGAMENTI IN CONTANTI.

Il Comitato di gestione della scuola dell’infanzia è l’unico soggetto che ha facoltà di decidere su eventuali richieste da parte delle famiglie per contributo agevolato. La riduzione viene decisa in base alla situazione economica risultante dalla dichiarazione dei redditi e dell’Indicatore della situazione Economica Equivalente (ISEE) sentiti i servizi sociali del comune.

L’insolvenza non autorizzata comporta l’esclusione del bambino dalla frequenza della Scuola dell’Infanzia previa comunicazione scritta alla famiglia e per conoscenza all’Amministrazione Comunale. Si precisa inoltre che la scuola agirà legalmente nei confronti degli inadempienti.

 

ART. 6 (CALENDARIO)

L'attività scolastica inizia nel mese di settembre e termina nel mese di giugno: la Scuola è aperta dal lunedì al venerdì, esclusi i giorni festivi infrasettimanali e i giorni di vacanza.

Il calendario è redatto, in forza dell’autonomia scolastica, in accordo con le scuole dell’infanzia che operano nel territorio, la Fism Provinciale e il Collegio Docenti.

 

ART. 7 (ORARIO)

Nella prima settimana l'attività scolastica si svolge solo nella mattinata con uscita alle ore 11:00.

I primi due giorni sono riservati esclusivamente all'accoglienza dei nuovi iscritti: il primo giorno i genitori restano accanto al figlio per tutto il tempo-scuola, mentre il giorno successivo si fermano fino alle ore 9:00 circa.

Dal terzo giorno inizia la frequenza anche degli altri bambini già iscritti negli anni precedenti.

Dalla 2ª settimana l'orario d’ingresso sarà dalle ore 8:00 alle ore 9:00; l’uscita alle ore 15:30. Per i nuovi alunni l' uscita è fissata alle ore 13:00 fino al completo inserimento del bambino.

Per i bambini iscritti alla sezione Primavera il periodo d’inserimento sarà stabilito in accordo con i genitori nel pieno rispetto dei tempi di ciascun bambino.

È riservata l’accoglienza anticipata dei bambini dalle ore 7:30 e l’uscita posticipata alle 16:30 – 17:00, esclusivamente ai genitori che per motivi di lavoro ne fanno richiesta. Questi servizi potranno essere affidati anche a personale non docente e volontario.

L’orario deve essere scrupolosamente osservato per non ostacolare il corretto svolgimento dell'attività didattica. Eventuali variazioni di orario, sia di ingresso che di uscita, devono essere preventivamente comunicate e concordate con la Coordinatrice.

Gli orari delle uscite giornaliere sono:

1° uscita alle ore 13:00 con limite di tolleranza 13:05;

2° uscita alle ore 15:25 - 15:30 con limite di tolleranza 15:35;

3° uscita ore 16:30— 16:55 con limite di tolleranza 17:00.

Oltre il limite di tolleranza e cioè 13:06, 15:36 e 17:01 il genitore è tenuto a pagare 2,00 per ogni 10 minuti di ritardo direttamente all’insegnante presente. (es. arrivo ore 15:40 pago 2,00, arrivo ore 13:19 pago 4,00, arrivo alle ore 17:05 pago 2,00).

Lo stesso vale per l’ingresso ritardato senza preavviso oltre le ore 9:00 la quota dovuta è di 2,00 per ogni 10 minuti di ritardo a partire dalle ore 9:01, 9:11, … (resta valido punto di riferimento il suono della campana).

 

ART. 8 (ASSENZE)

Nel caso in cui il bambino resti assente per ferie dei genitori e per altri motivi familiari si deve avvisare la Scuola dell’Infanzia. Al momento del rientro non è necessario il certificato medico.

In caso di assenza per malattia o di pediculosi (pidocchi) i genitori sono vivamente pregati di informare la Scuola al fine di permettere alle insegnanti di fare attenzione all’eventuale divulgarsi della malattia ed informare gli altri genitori.

In caso di febbre, vomito, scariche irregolari o altre patologie il bambino verrà allontanato dalla Scuola e potrà rientrare solo dopo completa regressione dei sintomi da almeno una giornata. (ciò significa che non può rientrare il giorno seguente)

Nel caso di febbre il bambino può rientrare solo dopo almeno un giorno di completo sfebbramento.

ATTENZIONE: IL BAMBINO CHE NON ABBIA SUPERATO LA MALATTIA E RIENTRA TROPPO PRESTO, POTREBBE AMMALARSI NUOVAMENTE O CONTAGIARE ALTRI BAMBINI.

In caso di assenza per malattia superiore ai 6 giorni (compreso sabato e domenica) il bambino può rientrare alla Scuola dell’Infanzia il 7° giorno solo se munito di certificato medico.

In caso di malattia infettiva e diffusiva il bambino può rientrare a Scuola solo se munito di certificato medico anche se non sono trascorsi i 6 giorni di assenza.

Nel caso in cui non vengano rispettate queste indicazioni le insegnanti non potranno accettare il bambino.

Non verranno somministrati medicinali di alcun genere da parte delle insegnanti ai bambini

Gli alunni devono frequentare la Scuola con assiduità, perché le troppe assenze impediscono ai bambini di beneficiare completamente dell'opera educativa e intralciano il normale andamento dell'attività scolastica.

La Scuola ritiene automaticamente ritirato il bambino qualora le sue assenze consecutive, per la durata di un mese, fossero ingiustificate.

 

ART. 9 (MENSA)

La refezione è prevista dalle ore 11:45 alle ore 12:45.

I pasti sono forniti dalla cucina interna della Scuola.

La Scuola è dotata del Piano – Manuale della qualità per l’Autocontrollo Alimentare secondo il metodo “HACCP” (ex D. Lgs n° 155/156/97 ora Pacchetto Igiene reg. CEE 852/2004—193/2007). Il “Manuale per la qualità e attuazione dell’autocontrollo è disponibile presso la segreteria.

Il menù è stato visto e discusso con la pediatra, approvato dal dietologo del Distretto S.S. NR. 2 e dal dipartimento Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione ULSS 9 di Treviso e viene consegnato agli utenti all'inizio dell'anno scolastico (vedi pag. 10 e 11). All’ingresso della scuola nell’apposita bacheca viene esposta la settimana corrispondente.

Per i bambini che hanno necessità di seguire una dieta particolare, si richiede un certificato del medico specialista per la variazione del menù.

 

ART. 10 (USCITA DA SCUOLA DEL MINORE)

I bambini devono essere accompagnati e ritirati dai genitori o da persone adulte e responsabili conosciute dalle insegnanti. In segreteria sono disponibili i moduli per le eventuali deleghe.

Per le uscite “una-tantum” cioè di un solo giorno è possibile compilare un modulo di delega che si può scaricare dal sito della parrocchia alla sezione documenti—scuola infanzia.

 

ART. 11 (LISTA D’ATTESA)

La lista d’attesa verrà tenuta valida per tutto l’anno scolastico.

Nel caso di rinuncia al posto o ritiri nel corso dell’anno, se successivamente interessati, i genitori dovranno procedere ad una nuova iscrizione.

 

Art. 12 (INFORMAGENITORI)

La Scuola si impegna a trasmettere alle famiglie solo le comunicazioni che riguardano:

  • l’attività scolastica;
  • le attività parrocchiali e dell’Oratorio NOI;
  • le attività di carattere socioculturale promosse dal Comune;
  • attività promosse da associazioni locali aventi scopi caritativi e senza finalità di lucro.

ART. 13 (RAPPORTI SCUOLA - FAMIGLIA)

I rapporti fra i genitori e le educatrici si svolgeranno in spirito di attenzione e di reciproca disponibilità. A questo scopo sono previsti colloqui personali da stabilirsi con la propria insegnante, e incontri collettivi di sezione.

Ogni famiglia è tenuta a collaborare all'opera educativa della Scuola dell’Infanzia ottemperando a tutte le norme di educazione morale, civile ed igienica del bambino.

 

ART. 14 (ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO)

La scuola accoglie, ai sensi della L. nr. 107 del 13/07/2015, in convenzione con le scuole secondarie e con le università del territorio alunni stagisti per percorsi in alternanza scuola—lavoro che verranno inseriti nella normale attività didattica giornaliera.

 

Paese, 2 settembre 2019

 

Il legale rappresentante -Don Giuseppe Tosin

 

La Coordinatrice - Sr. Chiara Ceron